Usa, la tassa sui blog sarà realtà?

La città di Philadelphia impone una speciale licenza a tutti quei residenti che gestiscano attività for profit. Tra questi, anche quei blogger amatoriali che guadagnano pochi dollari in pubblicità.

E’ successo ad un ragazzo di Philadelphia che ha guadagnato 50 dollari ricavati dalla pubblictà dal suo piccolo blog, e ne dovrebbe pagare ben 300 allo stato per la sua attività di business. Ma di attività non si tratta visto che il ragazzo scrive solo spodaricamente sul blog.

Per evitare questa multa dovrebbero pagare 50 dollari all’anno o una tantum di 300 dollari.

Non ci resta che rimanere sconcertati da questi fatti, e sperare che il governo italiano non arrivi a fare ciò anche qui da noi…

morocarlo

Sono uno studente di ingegneria informatica all'università di trieste. Sono appassionato di tecnologia, principalmente mi occupo/interesso di reti, hardware e software in generale. Programmo molto in Visual Basic .net (2008), ma conosco molto bene VB6. Ho le conoscenze basilari dei maggiori linguaggi di programmazione come php, asp, java, js, C#, Pascal e Assembly. SO: Windows 7, XP, Ubuntu, Mint, Netbook Remix

One thought on “Usa, la tassa sui blog sarà realtà?

  1. Speriamo, speriamo davvero tanto!
    In realtà aa noi al legislatore non preoccupa tanto l’aspetto economico quanto la responsabilizzazione degli autori. Equiparando un semplice blog a una testata giornalistica, con tutti i doveri che ne conseguono, si limiterebbero molto le attività dei blogger occasionali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *