Comandare il pc con la mente sarà realtà?

Per adesso sembra fantascienza, anzi, forse no!

Infatti la Intel sta lavorando al Sacro Grall della tecnologia, ovvero sta cercando di interpretare i segnali celebrali, non solo per interpretarli e compiere un azione, ma vuole andare ben oltre.

Sta cercando di capire mediante studi molto approffonditi a che segnale celebrale appartiene una certa lettera dell’alfabeto.

Se riuscisse in questo intento non si potrebbero svolgere semplici opzioni, come ad esempio l’apertura di una cartella, ma si potrà dettare un email direttamente dal nostro pensiero, senza battere i tasti sulla tastiera riducendo i tempi drasticamente per questi lavori.

State attenti però, la nostra privacy sarà sempre a rischio, non ci vuole molto a trasferire questi dati da un pc ad un altro dispositivo, e chiunque potrà capire il nostro pensiero. Questo potrebbe essere uno spiacevole inconveniente di questa fantastica tecnologia.

I vantaggi sarebbero enormi, ma gli svantaggi sarebbero comunque molti.

Per adesso possiamo dormire sogni tranquilli, questa tecnologia non arriverà di certo fra poco nei mercati e sopratutto non si sa neppure se sarà possibile realmente leggere il pensiero.

morocarlo

Sono uno studente di ingegneria informatica all'università di trieste. Sono appassionato di tecnologia, principalmente mi occupo/interesso di reti, hardware e software in generale. Programmo molto in Visual Basic .net (2008), ma conosco molto bene VB6. Ho le conoscenze basilari dei maggiori linguaggi di programmazione come php, asp, java, js, C#, Pascal e Assembly. SO: Windows 7, XP, Ubuntu, Mint, Netbook Remix

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *