Guida Visual Basic 2008, introduzione

Visual Basic è un linguaggio event-driven. Con questo termine si intende che l’elemento che sta alla base del linguaggio è l’evento, cioè, più in generale, l’azione: un evento è il clic dell’utente su un pulsante, la digitazione in una casella di testo, la selezione di un comando di menu, ma anche il cambiamento della risoluzione, l’aggiunta di una periferica al sistema, ecc. Come vedremo meglio più avanti, gli oggetti inseriti in un form Visual Basic sono in grado di riconoscere in automatico gli eventi più comuni, senza bisogno che il programmatore si preoccupi, ad esempio, di stabilire quando l’utente fa clic su un pulsante, seleziona un elemento da una lista, ecc. Visual Basic .NET è uno dei linguaggi che fa parte della suite di sviluppo Visual Studio .NET. Microsoft vuole segnare una svolta nel mondo della programmazione creando una famiglia di prodotti, di cui fa parte anche C#, il nuovo linguaggio che secondo la Microsoft riesce a unire la semplicità di Visual Basic con la potenza di calcolo e di elaborazione di C++. Visual Basic .net introduce tanti cambiamenti che viene considerato un nuovo linguaggio di programmazione e non un semplice aggiornamento di visual basic 6.

Visual Basic finalmente supporta tutte le maggiori caratteristiche di un linguaggio ad oggetti ed è paragonabile al C++ come livello di programmazione, ma unisce anche una semplice interfaccia drag and drop per creare GUI facilmente. Supporta infatti l’ereditarietà, il polimorfismo e l’overloading. I tipi di dato sono stati modificati aggiungendo nuove caratteristiche e nuovi tipi che permettono di risparmiare memoria e quindi aumentano in modo indiretto lo spazio in memoria RAM. Un’altra grande ed importante novità è l’introduzione dei thread, un utilissimo strumento per gestire programmi dalle grandi dimensioni. Sono stati aggiunti nuovi pulsanti, nuove funzionalità. Queste sono state suddivise in diverse categorie per rendere più semplice l’utilizzo e la configurazione. Inoltre sono stati aggiunti moltissimi metodi per la gestione delle porte di comunicazioni e dispositivi esterni, rendendone più facile l’utilizzo. La conseguenza peggiore però consiste nell’impossibilità di convertire in modo completo i vecchi programmi scritti con visual basic 6. È stato però introdotto un tool dalla microsoft che permette la codifica nel nuovo linguaggio di programmazione, però non tutto viene convertito in modo corretto, ed è necessario ricorreggere il codice e a volte riscriverlo completamente. In questa guida andremo ad analizzare i comandi principali, spiegandone le caratteristiche e le funzionalità. Insegneremo alle persone alle prime o alla prima esperienza con la programmazione i concetti di base per programmare e per creare i propri programmi. Analizzeremo inoltre alcuni comandi più avanzati con esempi di codice e di programmi spiegati passo passo attraverso delle mini guide. In questa guida pubblicheremo un motion detector, ovvero un sistema basato su una webcam che rivela i movimenti e lo segnala in modo tempestivo, inoltre sarà spiegato come convertire delle immagini in altri formati usando la funzione System.Drawing.Imaging.ImageFormat.Impareremo inoltre a creare le nostre librerie personalizzate da utilizzare e distribuire per le nostre esigenze. Consigli su che guide aggiungere, su come migliorare i programmi o il codice, idee e richieste per qualche guida e programma sono sempre ben accetti.

morocarlo

Sono uno studente di ingegneria informatica all'università di trieste. Sono appassionato di tecnologia, principalmente mi occupo/interesso di reti, hardware e software in generale. Programmo molto in Visual Basic .net (2008), ma conosco molto bene VB6. Ho le conoscenze basilari dei maggiori linguaggi di programmazione come php, asp, java, js, C#, Pascal e Assembly. SO: Windows 7, XP, Ubuntu, Mint, Netbook Remix

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *