In Brasile una tassa per legalizzare il P2P

Non è una fantasia, ma è una proposta di alcuni parlamentari brasiliani. I quali vorrebbero riformulare la legislativa riguardante il copyright, aggiornandone il significato cambiato ormai con i tempi digitali.

L’Università di Rio de Janeiro in collaborazione con il gruppo di ricerca sulle policy pubbliche per l’accesso all’informazione (GPOPAI) dell’Università di San Paolo vorrebbero legalizzare il P2P per scopi non commerciali, in cambio di un piccolo compenso per le connessioni internet di 1.50 € al mese (Una sorta di tassa sulla memoria,l’equo compenso). Il download e lo scambio per fini personali, ad esempio per visionare un film sarebbe così legale.

La seconda proposta vorrebbe abbassare i diritti del copytight da 70 a 50 anni, limitandone quindi il periodo per cui non è possibile condividere i file.

morocarlo

Sono uno studente di ingegneria informatica all'università di trieste. Sono appassionato di tecnologia, principalmente mi occupo/interesso di reti, hardware e software in generale. Programmo molto in Visual Basic .net (2008), ma conosco molto bene VB6. Ho le conoscenze basilari dei maggiori linguaggi di programmazione come php, asp, java, js, C#, Pascal e Assembly. SO: Windows 7, XP, Ubuntu, Mint, Netbook Remix

One thought on “In Brasile una tassa per legalizzare il P2P

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *