Provocare il crash di windows con 3 tasti

Se volevate un altro buon motivo per passare a Linux ecco qui una guida che ho trovato in rete che permette di far apparire la schermata blu in windows xp e Vista.

Potrebbe essere un ottimo scherzo per bloccare il pc a qualche utente di windows.

Dopo aver seguito la guida qui sotto basterà premere semplicemente ctrl destro + bloc scroll due volte e il gioco è fatto!

ATTENZIONE! Il trucco in questione porta ad una schermata blu per crashdumper. Tale tecnica vi costringe a riavviare il computer, in quanto una schermata blu non è reversibile. La perdita dei lavori aperti è inevitabile.

Il codice di errore generato è 0x000000E2.

http://www.megalab.it/2818/provocare-il-crash-del-sistema-con-tre-tasti

morocarlo

Sono uno studente di ingegneria informatica all'università di trieste. Sono appassionato di tecnologia, principalmente mi occupo/interesso di reti, hardware e software in generale. Programmo molto in Visual Basic .net (2008), ma conosco molto bene VB6. Ho le conoscenze basilari dei maggiori linguaggi di programmazione come php, asp, java, js, C#, Pascal e Assembly. SO: Windows 7, XP, Ubuntu, Mint, Netbook Remix

2 thoughts on “Provocare il crash di windows con 3 tasti

  1. Che trucco del cavolo….
    Devi cambiare una chiave di registro, è totalmente diverso…

    È come dire che in una distro cancello linux (intendendo il kernel), non stupirti se all’avvio quel tuo sistema operativo non parte più. Anzi, basta molto di meno…prova a cancellare /boot …
    E cosa succede se cancelli qualcos’altro dalla radice (esclusi i dati nella home?)?
    Sherzone del cavolo, lo posso fare a chi è appena passato a Gnu/Linux dicendo che non è sicuro… e non hai nemmeno bisogno di seguire una guida

    Se non sbaglio in windows vista chiede il consenso per far modifiche al registro.
    Ovviamente non è la stessa cosa che chiedere la password, ma da un attacco fisico anche la password che viene richiesta per le azione da root è aggirabile abbastanza facilmente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *