Montare un router in casa? Non si può, rischi la multa

Vuoi un router? Vuoi colleagarti ad internet? Allora devi registrarti all’albo.. non è una barzelletta, ma è un decreto amministrativo.

Il decreto risale al 22 Ottobre scorso, e dice che in Italia fra un po’ bisognerà essere iscritti a un albo professionale per montarsi in casa un router o uno switch.

Sembra uno scherzo ma i vari articoli sono molto chiari; ecco quelli chiave:

  • 1. Gli utenti delle reti di comunicazione elettronica sono tenuti ad affidare i lavori di installazione, di allacciamento, di collaudo e di manutenzione delle di cui all’articolo 1, comma 1, lettera a), numero 1), che realizzano l’allacciamento dei terminali di telecomunicazione all’interfaccia della rete pubblica, ad imprese abilitate secondo le modalità e ai sensi del comma 2.
  • 3. Chiunque, nei casi individuati dal decreto di cui al comma 2, effettua lavori di installazione, di allacciamento, di collaudo e di manutenzione delle apparecchiature terminali di cui all’articolo 1, comma 1, lettera a), numero 1), realizzando l’allacciamento dei terminali di telecomunicazione all’interfaccia della rete pubblica, in assenza del titolo abilitativo di cui al presente articolo, è assoggettato alla sanzione amministrativa pecuniaria da 15.000 euro a 150.000 euro, da stabilirsi in equo rapporto alla gravità del fatto.
  • 4. Chiunque nell’attestazione di cui al comma 2, lettera e), effettui dichiarazioni difformi rispetto ai lavori svolti è assoggettato alla sanzione amministrativa pecuniaria da 15.000 euro a 150.000 euro, da stabilirsi in equo rapporto alla gravità del fatto.

Se non mi credete, ecco il Decreto.

morocarlo

Sono uno studente di ingegneria informatica all'università di trieste. Sono appassionato di tecnologia, principalmente mi occupo/interesso di reti, hardware e software in generale. Programmo molto in Visual Basic .net (2008), ma conosco molto bene VB6. Ho le conoscenze basilari dei maggiori linguaggi di programmazione come php, asp, java, js, C#, Pascal e Assembly. SO: Windows 7, XP, Ubuntu, Mint, Netbook Remix

8 thoughts on “Montare un router in casa? Non si può, rischi la multa

  1. Ti sei dimenticato il punto f:

    “…
    f) i casi in cui, in ragione della semplicità costruttiva e funzionale delle apparecchiature terminali e dei relativi impianti di connessione, gli utenti possono provvedere autonomamente alle attività di cui al comma 1.
    …”

    che, in pratica, dice che quando l’installazione è semplice puoi farlo anche da solo! 🙂

  2. Cioè per qualsiasi semplice router che si acquista? O per router dalle caratteristiche più tecniche tipo questo:****** (argomento illegale)

    E come farebbero a verificarlo, se ad esempio uno dichiara che aveva acquistato e messo in casa il router in data precedente all’ applicazione del decreto? C’è un qualche parametro che lo rivela? Intendo un codice di identificazione del router ( non intendo una targhetta esterna, ma qualcosa di elettronico, tipo un segnale emesso dal router).

  3. mi sa che attraverso il mac riescono a capire il produttore, ma sarà complicato risalire alla data dell’acquisto. Sempre se non è troppo recente come produzione.
    Non ho letto tutto, ma è retroattiva o no la legge?

  4. Speriamo che ci salvi il comma f dell’articolo 2
    f) i casi in cui, in ragione della semplicità costruttiva e funzionale delle apparecchiature terminali e dei relativi impianti di connessione, gli utenti possono provvedere autonomamente alle attività di cui al comma 1.
    😕

    1. hehe ma cosa intende per semplice? Io ho qualche conoscenza in più rispetto a molti altri, e se mi metto un piccolo muletto che fa da server e altri 2 host è ancora una cosa semplice?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *